Via col vento, i costumi indimenticabili di Rossella O’Hara

Alice Sestini
Università Link Campus

Vivien Leigh memorabile nei suoi abiti piu belli, ognuno con il proprio segreto.

Film del 1939 è ambientato negli Stati Uniti meridionali durante la guerra di Secessione.
Racconta la storia di Rossella O’Hara, figlia del ricco proprietario di una tenuta e di un’estesa piantagione di cotone nei pressi di Atlanta, in Georgia.

La sua ossessione romantica per Ashley Wilkens la spinge a dichiararsi a lui che, pur essendo molto attratto dalla sua bellezza, non ricambia il suo sentimento, decide infatti di sposare la tranquilla e dolce cugina della ragazza, Melania Hamilton.

Rossella nel corso degli anni ha più di un marito, ma Rhett Butler rimane l’unico vero uomo che lei abbia veramente amato.

Oltre che dalla colonna sonora, gli attori e la scenografia, il film è reso immortale anche grazie allo scrupoloso lavoro del celebre costumista Walter Plunket. I colori come anche i tessuti, infatti, recitano un ruolo molto importante.

La protagonista indossa diversi costumi di varie tinte. Bianco, rosa, verde, rosso e ciascuna di esse denota un particolare stato d’animo capace di trasmettere un messaggio diverso.

Nella sequenza iniziale la giovane indossa un abito bianco con il colletto chiuso fino al collo, simbolo di purezza e innocenza.
Ma il suo spirito indomabile non si fa attendere a lungo, nella scena successiva infatti, ambientata a le “dodici Querce” durante la merenda dai Wilkes, Rossella indossa sì un abito bianco, ma è scollatissimo.

La fanciulla così vestita vuole apparire più grande, seducente, per conquistare il cuore di Ashley.

Nel corso del film Rossella rimane vedova due volte, a causa di questo la giovane è costretta a mettere abiti neri, che però abbellisce con accessori colorati, come il cappello alla moda che le riporta Rhett dalla Francia.

Ma la guerra spazza via ogni leggerezza finendo così per indurirle il cuore, questo difficile periodo è caratterizzato da abiti semplici, privi di strascichi o fronzoli. Il più noto è forse quello rosa, con cui fugge da Atalanta per tornare a casa sua, l’abito indossato durante il bacio appassionato con Rhett sul bivio per Tara.

Ma senza dubbio il più importante resta quello che lei ha quando si finge ricca per andare a chiedere denaro in prestito.
Il costumista voleva che fosse proprio in diverse tonalità di verde (simbolo per eccellenza di speranza) un vestito entrato di diritto nella storia del cinema.

Altrettanto meraviglioso è quello color rosso fuoco che il marito intima a Rossella di indossare alla festa di Melania, dopo aver scoperto di un abbraccio tra la moglie e Ashley.
Un abito scarlatto, ricco di paillettes e piume, con uno scialle di chiffon, troppo audace e prezioso per un semplice compleanno.

Ed è sempre rosso il colore indossato dalla protagonista quando si alza di notte per raggiungere Rhett che la lascia sola e innamorata, avvolta da un color passione con cui si dispera.

Related Posts

Leave a comment