Per la Primavera Estate 2020 Moschino celebra l’arte di Picasso trasformando le modelle in quadri cubisti

Alice Sestini
Università Link Campus

L’intera collezione sfila in passerella liberando i colori e le forme per creare l’atmosfera di una mostra d’arte.

Il connubio tra arte e moda rappresenta da sempre una delle più energiche e celebrate contaminazioni, con i linguaggi espressivi dell’una che finiscono per essere, in maniera del tutto naturale, il vocabolario pittorico dell’altra.

Colori, volumi, forme delle collezioni che siamo abituati ad ammirare in passerella spesso sono il frutto di ricerche in campo artistico.

Le muse ispirano gli artisti e gli artisti ispirano il mondo

È in questo concetto che si inserisce la sfilata primavera estate 2020 di Moschino, in cui Jeremy Scott propone di ricreare, con un linguaggio moderno, le opere del grande artista spagnolo.

Gli abiti diventano la tela dei suoi lavori più importanti, a tal punto da mettere cornici dorate attorno ai corpi delle modelle.
Le linee spigolose e taglienti del Cubismo definiscono le silhouette degli abiti tridimensionali decorati con campiture di colore che prendono vita dalla forza del pennello.

Particolari gli accessori, contaminati da un linguaggio pop, per uno stile eclettico e irriverente.

I dettagli definiscono ulteriormente la forma eccentrica della collezione, si va dalla borsa cornice, alle pumps dalle linee retrò dipinte con le stesse pennellate dell’abito, dalle applique floreali ricoperte di paillettes, ai gioielli vistosi con gemme incastonate.

E poi c’è il tema della musica che viene espresso dalla presenza di note e strumenti che si arrampicano su tessuto e sugli accessori, come la borsa a forma di chitarra o l’abito a palloncino con lo spartito.

La cornice corre sulle maxi fibbie in metallo dorato per creare drappeggi nelle vesti, nelle scarpe e nelle borsette a mano.

I dettagli rappresentano teste di tori, violini e una divertente bucket bag che riproduce il barattolo di latta dove riporre i pennelli in attesa di realizzare il prossimo capolavoro.

Una collezione che svela il rapporto morboso e viscerale del pittore con le tante donne della sua esistenza. Passione e tormento, amore e tradimento, prendono vita per enfatizzare i look in passerella.

La sfilata primavera estate 2020 di Moschino è quindi un inno alle opere di Picasso e alle sue muse.
“Le muse ispirano gli artisti e gli artisti ispirano il mondo” Jeremy Scott.

Related Posts

Leave a comment