Lady Diana, il ritratto di una principessa fuori dal Palazzo

Sofia Centofanti
Università Link Campus

Un’indimenticabile icona di stile, la “favola” e lo stile unico di Diana continuano a incantarci ancora.

Icona intramontabile, una principessa bella e ribelle, Lady Diana ha lanciato e lasciato mode che continuano a ispirare e far sognare. Ma chi era Lady D? Classe 1961, silhouette perfetta e protagonista indiscussa del Gossip British, Lady D non era semplicemente una principessa o forse non le bastava esserlo.

Diana è stata, tra le tante cose, un’icona del suo tempo a tutti gli effetti, anche per quanto riguarda lo stile, portando una vera “rivoluzione” nel rigido ambiente di corte e non solo: dai look monocolore alle mise sportive, la Principessa di Galles ha saputo costruire nel corso degli anni un’immagine fortemente identitaria e personale.

Chic, elegante e sporty e a volte anche un po’ maschiaccio, Diana non si è mai fatta influenzare dalle Royal rules, una principessa in jeans, salopette, sneakers alte, camicie oversize e ciclisti; look da vera ribelle che l’hanno resa oggi icone di stile indiscussa.

È stata una vera donna rivoluzionaria nella sua semplicità, è entrata nella Royal Family senza avere titoli reali, ha creduto nel romanticismo, è stata delusa ma, nonostante le difficoltà, ha trovato la forza di rialzarsi, di sorridere, di prendersi cura dei suoi figli giorno dopo giorno.

Era una mamma amorevole, una moglie che ha voluto credere fino all’ultimo nella forza dell’amore, una femminista, una donna che non aveva paura di schierarsi dalla parte dei più deboli, che ha combattuto con forza contro i demoni della sua anima.

Sono uno spirito libero

Diana ha avuto il merito di dimostrare al mondo quanto può essere rivoluzionaria la bontà e la delicatezza ed è per questo che, a distanza di oltre vent’anni, la sua figura gentile continua a essere impressa nei nostri occhi.

Diana diceva di sé stessa: “Sono uno spirito libero, ad alcuni non piace, ma io sono fatta così.” Buon Compleanno Principessa!

Related Posts

Leave a comment