D&G e la casa-bottega 2.0

Ilaria Nicita
Università Link Campus
Dolce & Gabbana e l’hashtag #DGFattoinCasa: quando l’homemade diventa sostegno alla ricerca.

La Sicilia, i suoi luoghi inesplorati, la tradizione, le radici, la donna mediterranea, sono tutti aspetti che la casa di Moda, Dolce & Gabbana, ha portato nelle passerelle fin dal principio. Come le fotografie di Ferdinando Scianna, primo vero esempio di “moda reportage”, in cui il territorio diventa protagonista insieme all’abito e ne caratterizza la Moda. La campagna pubblicitaria in questione fu ideata e realizzata alla fine degli anni ’80 e, in una Sicilia d’altri tempi, la modella Marpessa fu catturata come se fosse nella sua vita quotidiana. Nella relazione con le persone, la spontaneità delle pose, non più plastiche ma reali, si portò una dose di autenticità, di Cultura e di storia del Paese. In quegli scatti memorabili, intrisi di un sapore unico, Scianna e Dolce & Gabbana avevano creato un nuovo modello di fotografia di Moda e quindi anche di comunicazione del Made in Italy.

La formula del racconto ritorna tutt’oggi, in primo luogo grazie alla sfilata uomo A/I 2020-2021 intitolata ai Mestieri D’Arte, dove i due stilisti hanno voluto tracciare una linea di congiunzione per far conoscere alle nuove generazioni la tradizione del loro paese d’origine, per riproporre un ritorno alla manualità e al saper fare.

Il contatto con la materia, la trasmissione dei saperi, l’importanza di dare valore all’imperfezione, al fatto a mano con passione che giova al corpo e alla mente. Sono questi i segnali e i punti di partenza che hanno mosso Dolce & Gabbana a lanciare il progetto sui canali social #DGFattoincasa. In un clima di rallentamento, generato dalla pandemia, si è riscoperto il valore del tempo e della casa. La casa, antico focolare, fulcro dei nostri sogni, centro di ristoro e d’incontro con noi stessi, torna a essere anche luogo del lavoro, come in una funzione di casa-bottega che era solito svilupparsi nei borghi o nei paesi.

Dal 6 maggio, sul profilo Instagram del marchio italiano, saranno pubblicati brevi video. Workshop realizzati dagli artigiani stessi che collaborano con la maison, in connubio tra arte e tecnologia, dove la bellezza del saper fare diventa movimento e suggerimento per tornare ad arricchire l’esperienza dello stare in casa con nuovi stimoli e conoscenze. Diverse Arti sono messe in risalto: dal ricamo all’uncinetto, dal taglio di una giacca al lavoro a maglia. Riscoprendo la sensazione dell’homemade, si aiuta anche la ricerca. Infatti, l’iniziativa ha anche un valore sociale. Attraverso questi video si supporta la ricerca scientifica con Humanitas University che sostiene lo studio diretto dal Professor Alberto Mantovani, mirato a trovare una soluzione per debellare il Coronavirus. Anche Intesa SanPaolo ha aderito al progetto grazie alla piattaforma di crowdfunding, Forfunding.it, è possibile fare delle donazioni, il cui importo sarà devoluto interamente alla ricerca.

In un legame crescente fra Tradizione e Innovazione, Arte e Tecnologia, la comunicazione digitale diventa l’unico mezzo di trasmissione, vicinanza e supporto. La creatività apre porte infinite, facendoci viaggiare con la Fantasia, definendo così le varie sfaccettature del genius loci italico, si mostra come sul serio l’“Artigenialità” può essere di casa.

Related Posts

Leave a comment